Layla quando la storia del Rock si scrive con lo smalto

Eric_Clapton2_in_1978

La ragazza, Layla, si chiamava Pattie Boyde. Per lei persero la testa due ragazzi con la chitarra, uno era George Harrison, l’altro Eric Clapton. Ognuno voleva tutta la scena, entrambi pretendevano di suonare l’assolo.
Lei sposò tutti e due. E nacquero canzoni meravigliose: Something,
I need you, For you blue dei Beatles, Wonderful Tonight, Layla e Bell Bottom Blues di Clapton. Come musa la ragazza se la giocava pure con Calliope. D’accordo erano straordinari anche i ragazzi con la chitarra: due poeti innamorati, se uno ascolta le canzoni si sente. Nessun trucco tranne il mascara di Layla. Perchè in fin dei conti che cos’è un poeta senza musa? Soltanto un tubo senza l’acqua.
È il rock bellezza: o suoni o te le suonano. E spesso la sua storia si scrive con lo smalto.

Gianluca Sales

 

 

About the Author

Categorie:

Album e brani

Add a Response

Your name, email address, and comment are required. We will not publish your email.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

The following HTML tags can be used in the comment field: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <pre> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: